Elementi

ELEMENTI, I VOLTI DELL’IMPASTO”: È MARIO VERDICCHIO IL MIGLIOR PIZZAIOLO PROFESSIONISTA D’ITALIA 2018

Con la sua pizza gourmet ha deliziato vista e papille della giuria di esperti che lo ha eletto il migliore tra i nove finalisti della manifestazione 
itinerante ideata da Molino Vigevano

Tecnica, uso sapiente delle materie prime e creatività: sono questi gli “ingredienti” che hanno decretato il successo di Mario Verdicchio, eletto il miglior pizzaiolo professionista d’Italia 2018 durante la tappa finale di “Elementi, i volti dell’impasto”.  Nella cornice dello spazio milanese FeelingFood, i nove finalisti della competizione si sono cimentati con l’ultima fatica: creare la perfetta pizza gourmet, bilanciando i sapori degli ingredienti da loro scelti con quelli selezionati dalla giuria.

Mario Verdicchio, 24 anni, originario di San Felice a Cancello nel casertano, volto e mani della pizzeria Reginella di Caserta, ha conquistato con la sua pizza gourmet i cinque giudici: il pizzaiolo Matteo Aloe (Pizzeria Berberè), lo chef Matteo Monti (Ristorante Rebelot) e i giornalisti enogastronomici Enzo Vizzari, Roberta Abate e Niccolò Vecchia. Il vincitore è riuscito a coniugare tradizione e creatività, armonizzando il sapore dolce dei pomodorini gialli con il gusto deciso della pancetta Giovanna e del formaggio Montasio. A convincere la giuria sono state anche la consistenza della pasta e la presentazione della pizza, sormontata da granella di mandorle tostate aggiunte fuori cottura.

Arrivata alla sua terza edizione, la manifestazione itinerante ideata da Molino Vigevano ha toccato tre città - Napoli, Roma e Milano - e ha messo alla prova competenze, professionalità ed esperienza dei giovani pizzaioli in gara con sfide come quelle dell’analisi dell’impasto crudo della pizza e del blind taste test di diversi tipi di pomodori e mozzarelle. Quest’anno Elementi ha visto tra i contendenti al titolo anche una “pizzaiola”: la ventitreenne Federica Samarani che, cresciuta tra le farine e gli impasti del locale di famiglia in provincia di Cremona, ha deciso di seguire le orme del padre nell’arte bianca.

Il miglior pizzaiolo professionista d’Italia si è aggiudicato una fornitura di farine Molino Vigevano, di prodotti Finagricola e una consulenza gratuita per un valore complessivo di 1.250 euro. Alle sue spalle, sul podio sono saliti Angelo Tantucci della pizzeria Il Capriccio di Monsano (Ancona) e Simone Pizzo de Il Fante di Fiori di Verona, rispettivamente secondo e terzo. 

Nel corso della serata è stato assegnato anche il premio “La cottura perfetta”, promosso da Moretti Forni e conferito al pizzaiolo la cui creazione si è distinta per cottura omogenea, doratura in superfice e assenza di bruciatura. A vincerlo è stato Antonio Caputo, della pizzeria Cocciuto, che parteciperà gratuitamente a uno dei workshop organizzati da Moretti Lab. 

“L’obiettivo di Elementi è promuovere una cultura d’eccellenza della pizza”, commenta Fabrizio Lo Conte, amministratore delegato di Molino Vigevano, storico marchio italiano di farine parte del Gruppo Lo Conte. “Siamo entusiasti di vedere crescere questa iniziativa e, soprattutto, di essere testimoni di una sensibilità sempre maggiore verso qualità delle materie prime e tecnica sia da parte dei consumatori sia degli stessi pizzaioli”. 

Presentata dall’esperta enogastronomica Tania Mauri, la finalissima è culminata con una degna celebrazione della pizza: una degustazione di quattro diverse proposte ideate da Antonio Caputo della pizzeria Cocciuto, locale del nuovo distretto della moda di via Tortona che in poco tempo si è affermato tra le migliori pizzerie a Milano. 
Alla realizzazione dell’evento hanno collaborano: Così Com’è, marchio specializzato in pomodorini freschi di altissima qualità nato dall’esperienza di Finagricola, azienda leader nel panorama ortofrutticolo italiano; Latticini Orchidea, tra i più antichi marchi nell’ambito delle eccellenze casearie campane, simbolo di una tradizione tramandata da oltre cento anni; Joyful, moderna linea di vini mossi, di delicata effervescenza e fragranza che giocano sul frutto e su una leggera bollicina che gli dona slancio e freschezza; Moretti Forni, leader internazionale nella produzione di forni statici per pizzeria, pasticceria e piccola panetteria.

Tre le tappe dell’edizione 2018 di Elementi:

Napoli, 23 maggio 2018
Roma, 8 ottobre 2018
Milano, 12 novembre 2018 (terza tappa e finale)

I pizzaioli si sono cimentati nella prova sugli impasti crudi, dei quali hanno dovuto riconoscere la forza della farina usata, le ore di lievitazione e l’idratazione, e un blind taste test per individuare il tipo di impasto, di latticini e pomodori usati. I nove finalisti si sono sfidati nella creazione della perfetta pizza gourmet.  

I nove finalisti (in ordine alfabetico):
Antonio Caputo, Cocciuto (Milano)
Luciano Colangelo, Fashion Café (Melfi, Potenza)
Modestino Della Pia, Pink Panther (Mercogliano, Avellino)
Simone Pizzo, Il Fante di Fiori (Verona)
Giuseppe Riontino, Canneto Beach (Margherita di Savoia, Barletta-Andria-Trani)
Thomas Sparacio, Duca 26 (Civitanova Marche, Macerata)
Pasquale Stabile, 20 Pizza & Delicious (Cava dei Tirreni, Salerno)
Angelo Tantucci, Il Capriccio (Monsano, Ancona)
Mario Verdicchio, Reginella (Caserta)

 

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter