Care&Share Italia

KABIR BEDI E CARE&SHARE: UN PONTE SOLIDO E SOLIDALE TRA INDIA E ITALIA

Profondamente colpito dalla mission e dall'operato di Care&Share Italia, Kabir Bedi ha scelto di entrare a far parte, in qualità di Ambasciatore, dell'organizzazione non governativa che da quasi trent'anni sostiene con successo i bambini più vulnerabili dell'India. Un impegno concreto che lo vedrà protagonista, tra fine marzo e i primi di aprile 2019, di un tour benefico attraverso alcune delle più importanti città italiane, da Milano a Roma, con 6 serate ricche di eventi socio-culturali finalizzati a coinvolgere il pubblico presente e raccogliere fondi per la nobile causa.


CARE&SHARE A SOSTEGNO DELLE DONNE IN INDIA
L'istruzione come forma di emancipazione

In India, nello stato meridionale del Kerala, il primo gennaio 2019 milioni di donne hanno formato una catena umana lunga 620 chilometri per protestare contro la disuguaglianza di genere.
Purtroppo le discriminazioni di genere sono ancora una triste realtà in India. Secondo un rapporto governativo del 2017, sono state 63 milioni le donne "mancate", perché abortite, uccise o abbandonate. 21 milioni sono state quelle "indesiderate", spesso cedute in sposa a mariti più grandi di loro e non di rado violenti. Su 100 bambine che cominciano la prima elementare, 33 arrivano fino alla quinta superiore, senza considerare che una maggiore occupazione femminile potrebbe far crescere l’economia indiana del 27%.
Di fronte a dati come questi Care&Share, organizzazione non governativa italiana che opera da quasi 30 anni in India a sostegno dell’infanzia vulnerabile e marginalizzata, non può che continuare ed incrementare il proprio impegno dando sempre primaria importanza all'istruzione delle bambine e delle ragazze. Non a caso, il 60% dei bambini e dei ragazzi sostenuti a distanza sono femmine. 
3 storie di successo di ASHA JOTHI, SUDHA e DURGA, che hanno potuto dare una svolta alla propria vita grazie all'aiuto di Care&Share e dei propri sostenitori.

I DALIT E LA VITA NEGLI SLUM
Al fianco degli ultimi negli slum di Hyderabad e Vijayawada

Dalit: per chi e con chi non ha nulla.
L'India è un Paese con una crescita economica tra le più impetuose al mondo e con città all’avanguardia come Mumbai e Bangalore. Eppure un terzo dei poveri del pianeta vive in India.
Qui ci sono angoli dimenticati come gli slum, moderni agglomerati di povertà e ingiustizia, di corruzione e criminalità, di emarginazione e abbandono, in cui le principali vittime di questo coacervo di contraddizioni sono sempre e solo loro: i bambini. Indifesi e ignorati, appartengono in massima parte alla non casta dei dalit, che è una sorta di girone dantesco che lega tutti coloro che sono stati e sono tuttora rifiutati dai membri delle altre caste.
È per questo motivo che Care&Share ha deciso di intervenire negli slum e di implementare nuovi progetti in ambito educativo a sostegno dei bambini più vulnerabili delle periferie di Hyderabad e di Vijayawada.

LE ZONE TRIBALI E GLI ADIVASI
I diretti discendenti delle comunità che abitavano l’India prima dell’arrivo degli arya, ossia gli attuali indiani

Secondo i dati dell’ultimo censimento, l’8,6% della popolazione indiana vive all’interno delle zone tribali, ossia in territori circoscritti, situati principalmente nel nord-est del paese, tra lo stato del Rajasthan e quello del West Bengal.
Le popolazioni che abitano queste zone spesso remote e inaccessibili sono chiamate adivasi, che in hindi significa abitanti originari. Gli adivasi, infatti, sono i diretti discendenti delle comunità che abitavano l’India prima dell’arrivo degli arya, ossia gli attuali indiani.
Nelle zone tribali mancano sia le strutture scolastiche che gli insegnanti, ragione per la quale Care&Share ha deciso di intervenire in queste zone, promuovendo progetti in ambito educativo.

MANGOES HOME
Un luogo di accoglienza per giovani talenti

In mancanza di un adeguato supporto, i giovani talenti in India rischiano di doversi accontentare di una vita professionale e personale al di sotto delle loro possibilità. 
Care&Share ha deciso di istituire una casa in cui 34 giovani tra i 16 e i 18 anni, orfani o semi-orfani e a rischio di emarginazione sociale possono vivere una quotidianità nella quale tutte le loro necessità di base sono garantite. La storia di Sai Kumar, che grazie a Care&Share ha conseguito il diploma di scuola superiore con buoni voti ed ora frequenta il primo anno del corso di laurea (college) in Amministrazione Aziendale a Vijayawada.

 

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter